Belin ti ho sgamato! Pe piaxei puoi rimuovere Adblock dal sito del Mugugno Genovese? Non lavoro per nessuno ed il sito sopravvive solo così! Sappi che la pubblicità che inserisco qui è TUTTA certificata Google, e questo non vi crea alcun danno o porta alcun virus. (e ci vuole pure parecchio per ottenere questo privilegio da Google) A te non costa nulla e, così facendo, anche a me non costerà... Pe piaxei :) La pubblicità che viene proposta su questo sito cerca sempre di esser attinente ai gusti del visitatore o gli argomenti trattati dal blog, così da non risultare fastidiosa! Grassie!

Noi che imprestammo la bandiera agli Inglesi 🏴󠁧󠁢󠁥󠁮󠁧󠁿 e pure ai Milanesi!

Alcuni ci accusano di prender troppi meriti. Colpa nostra se, nei secoli, abbiamo segnato la storia?

Il più delle volte, in modo non plateale, ma silenziosamente, quasi fosse nostro interesse non dar nell’occhio. 
Altre volte, invece, la nostra importanza e la nostra “forza” erano tali e riconosciute nel mondo, che bussavano alla porta chiedendoci “favori”.

Come la storia che riguarda la bandiera degli Inglesi 🏴󠁧󠁢󠁥󠁮󠁧󠁿 (ma anche… dei nostri bauscetti!). Molti di noi già conosceranno questa vicenda, d’altronde in certe scuole vien insegnata prima del Padre Nostro 😂 Ma permettetemi di raccontarla a tutti i passanti per il BelinBlog!

La croce di San Giorgio

Originariamente impiegata dai pellegrini che si recavano nei luoghi Sacri al Cristianesimo attorno all’anno 1000. Un vessillo, successivamente, per i “pellegrini armati”, i “crociati”. Un simbolo medioevale, universalmente riconosciuto, divenuto per molti una vera e propria Bandiera.

Noiatri la vediamo praticamente ogni giorno… Sulla Lanterna, sul palazzo San Giorgio (tou lì, sta pure nel nome!), su Porta Soprana e persino su ogni lampione del comune portante lo stemma della città. Ah, è vero: anche nello stemma della città stesso!

Chi la usò in primis? Chi la usò sin dagli albori?



Porta Soprana - Genova

Saremo ripetitivi, ma… ovviamente i Genovesi! Attenzione, però: San Giorgio non è il patrono di Genova, come alcuni erroneamente credono. È sicuramente una figura a cui i genovesi sono stati molto legati; numerose sono le rappresentazioni in targhe, pietre, edicole e molto altro nel centro storico, ma non è il patrono. San Giovanni Battista è il vero patrono genovese, ma quella… è un’altra storia. (In realtà avremmo ben 5 protettori: San Giorgio, San Giovanni Battista, San Bernardo, San Lorenzo e San Siro) ma questa… è ancora un’altra storia!

 La Repubblica di Genova issò bandiera crociata, fin da epoche remote, quando l’esercito bizantino stanziava ancora nella città (secolo X). Il vessillo della guarnigione (una croce rossa in campo bianco) veniva portato in omaggio nella piccola chiesa di San Giorgio, periodicamente. Il culto di San Giorgio arrivò definitivamente con le Crociate: nel 1098, durante la battaglia di Antiochia, poco prima della presa di Gerusalemme, i crociati inglesi vennero soccorsi dalle milizie della Superba, ribaltando l’esito dello scontro e prendendo la città. La leggenda vuole che a incitare i cavalieri cristiani sia stata un’apparizione del santo, accompagnato da vessilli con la croce rossa in campo bianco.



La croce di San Giorgio, veniva battuta dalle navi della Repubblica marinara di Genova (la più potente per molti secoli) e rappresentava una sorta di immunità per chi se ne poteva fregiare. Le navi nemiche, per evitare il conflitto, giravano al largo e la notizia divenne “virale”, come diremmo ai giorni nostri. Così le altre Nazioni iniziarono a trattare con Genova l’uso della sua Bandiera Crociata. 

Nel 1190 Londra e l’Inghilterra chiesero e ottennero la possibilità di utilizzo della bandiera crociata per avere le loro navi, protette così dalla “nomea” dalla flotta genovese nel Mar Mediterraneo e in parte del Mar Nero, dai numerosi attacchi di pirateria (si mosse in prima persona Riccardo Cuor di Leone alla partenza per la Terza Crociata); per questo privilegio il monarca inglese corrispondeva al Doge della Repubblica di Genova un tributo annuale.

Adesso veniamo, quindi, alla questione spinosa, sulla bandiera Milanese.



Bandiera di Milano

Accinelli, storico, spiega come mai la bandiera di Milano sia identica a quella di Genova. Scrive: «E mandati dalla Repubblica 500 balestrieri con la suddetta insegna in soccorso dei Milanesi nel 1247, espugnata col loro valore la città Vittoria nuovamente fabbricata da Federico II vicino a Parma, vollero i Milanesi per maggiore onore assumersi dello stendardo de’ Genovesi l’insegna».

Inoltre, la Lombardia aveva già chiesto di poter usare il simbolo precedentemente. Correva l’anno 1176, nel giorno della battaglia di Legnano, 29 maggio, i milanesi insieme alle città che aderirono alla Lega Lombarda issarono sul pennone del Carroccio, il gonfalone bianco con una croce rossa.

Quindi… missà che non è proprio Lombarda sta bandiera eh, come qualcuno vuol credere 😏

Se vedemmo zueni.


Qui di seguito puoi cercare quello che vuoi sul BelinBlog Oppure se non hai una meta definita, ma non vuoi abbandonarci, ecco qualche articolo che potrebbe interessarti!
By |2018-04-23T12:44:55+00:00aprile 23rd, 2018|Altro, Storia di Genova|2 Comments

2 Comments

  1. Dario 23 aprile 2018 at 12:42 - Reply

    Belin ma i patroni di Zena son 4, altro che “San Giorgio non è patrono”!

  2. Micche 23 aprile 2018 at 21:33 - Reply

    Su wikipedia si trova questa informazione sulla bandiera di San Giorgio in italiano e tedesco, la versione inglese invece non ne parla…

Leave A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.