La Fortezza è stata costruita nella città di Sudak , sud dell’Ucraina (che ora dovrò aggiornare in Russia? Fa molto effetto…)

Fondata dai Veneziani nel XII secolo, poi ricostruita dai Genovesi tra il 1371 e il 1469 è una roccaforte nata per protezione della colonia in Crimea. Beccati un po’ di foto e storia!

La Fortezza dei Genovesi in Sudak!

Fortezza di Sudak

Di Zysko serhiiOpera propria, CC BY-SA 4.0, Collegamento


Se vuoi rimanere sempre aggiornato per tutte le novità che escono su ilmugugnogenovese.it
Iscriviti al CANALE TELEGRAM UFFICIALE: @ilmugugnogenovese





È costruita in cima ad una antica barriera corallina formazione che ora si trova a 150 m sopra il livello del mare. Si tratta di un bene UNESCO!

A causa della sua importanza storica e del buonissimo stato di conservazione, la fortezza è il fulcro dell’attività turistica della cittadina.

Eppure non è sempre stato tutto rose e fiori nei d’intorni di questo castello. A causa della sua posizione strategica e dell’importanza commerciale della città, dalla fine del XIII secolo, Genova e Venezia iniziarono a contendersela, fino al 1365, quando i genovesi ne presero il controllo fino al 1475. In questo periodo, il porto conobbe anni di grande splendore a tal punto che la maggior parte degli edifici ancora presenti portano il marchio de Zena.

È per questo che la fortezza è anche chiamata “dei genovesi

Genova Sudak

Aleksander Kaasik, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

La fortezza genovese, conservata attualmente, consiste in due livelli di fortificazioni, uno situato sulla parte superiore del promontorio, e l’altro in basso. Vi sono un totale di 14 torri, ciascuna con una altezza di 15 m. Un particolare interessante è come le torri siano tutte intitolate ai Consoli che hanno protetto per secoli questa imponente roccaforte!

Nel 2017 sono iniziati i restauri, dopo oltre 25 anni di trascuratezza che coinvolgeranno tutto il complesso, come si può apprendere da questo articolo cliccando qui.

Sudak panorama.JPG

Di Questa immagine è stata creata con PTguiOpera propria, Pubblico dominio.



Vi lascio un ultimo video, lungo che mostra una visita alla fortezza abbastanza dettagliata. Unico problema? La lingua: io non ci ho capito un belino, però le immagini son fighe, quindi… va be sciusciâ e sciôrbî no se peu!

Ah, belin dimenticavo! Prima di salutarci, se ti piacciono questi articoli di storia, concedetemelo: qui sotto, puoi contribuire anche tu al pagamento del dominio annuale del Mugugno Genovese! Siccome non abbiamo sponsor e siamo troppo “scomodi” perché qualcuno si interessi al nostro sito, abbiamo pensato di aprire una finestra di questo tipo per chi volesse supportarci 🙂

Continua a seguire il Mugugno Genovese, nei prossimi articoli andremo alla scoperta di altri luoghi Genovesi sparsi per il mondo, come ad esempio il Forte Genovese di Tabarka!

Se vedemmo zueni!