La Declinazione del BELIN.

Foresti, non sia mai che andiate a cena da un V.E.L e rimaniate colti alla sprovvista!
Un tempo era vocabolo esclusivo: pochi ne sapevano il significato e altrettanti pochi lo utilizzavano. Con l’arrivo della tv e poi di internet, belin è diventato conosciuto e anche “apprezzato” (no facili battute, grazie) al di fuori della Liguria.
Voce del verbo Belin: Ogni V.E.L che si rispetti fa del Belin (leggi la sua spiegazione nella Lezione Serale QUI) il suo unico intercalare. È come le trofie col pesto (la ricetta QUI), la “ciliegina sulla torta”, il tassello mancante d’ogni frase. Può sostituire mille parole in un solo attimo e, a volte, può convertire una situazione negativa in una più serena, strappando una risata.
Possiamo usarlo come aggettivo ( “che belin di giornata” ), come verbo ( “cosa sta imbelinando quello?” ) o come esclamazione ( ” BELIN! ” ).

Prima di iniziare, se ti piace il M.G e questo genere di contenuti, concedetemelo: qui sotto, puoi contribuire anche tu al pagamento del dominio annuale del Mugugno Genovese! Siccome non abbiamo sponsor e siamo troppo “scomodi” perché qualcuno si interessi al nostro sito, abbiamo pensato di aprire una finestra di questo tipo per chi volesse supportarci 🙂

Andiamo ora a spiegare i termini che trovate nell’immagine con una breve lista per il Foreste che altrimenti non ci capirebbe un belin:





Ma passiamo ad una spiegazione più esaustiva dei principali usi…


imbelinato


Verbi:

Desbelinarsi = Richiamandosi al “desbelinato” è il verbo che ne consegue. Riuscire a tirarsi fuori dai guai o concludere un lavoro in modo furbo ed ingegnoso. È comunque usato per rafforzare un’idea, un sotterfugio scaltro o una trovata intelligente.
Imbelinarsi = Assume vari significati a seconda della circostanza. Può tradursi come “cadere”, ma anche come “infilarsi in un guaio/discorso/ecc” Non esiste in italiano un termine più specifico che renda quanto il genovese “imbelinarsi”. Non mi capacito di come facciano i Foresti a non avere questa “soluzione” nel loro vocabolario.
Cosa (mi) imbelini? = “cosa(mi) combini?” Se ormai vi inizia ad essere chiara l’essenza di questa parola, credo vi sarà facile immaginare quante sfaccettature essa possa prendere. “Imbelinare” può essere usato per le più varie azioni (costruire/scrivere/spiare/ecc). Avrà sempre quel pizzico di ironia, leggerezza che rende la situazione più allegra.


Esclamazioni:
Belin! = In argomento, apprezzamento generale per qualcosa di ben riuscito o qualcosa di “figo”. Preferibile “Scignurata” nel caso si voglia dare un tono più serio.
Beliscimu/o = Potrebbe esser considerato sinonimo di Belin Belino, ma un pochino più “tranquillo”. Usato in chiave più ironica rispetto al primo, da quel tocco di finezza alla frase!
Meninbelino = un’esclamazione generica, abbastanza difficile da trovare il momento giusto se non si è “padroni” della parola. Di solito usato di fronte a qualcosa di eclatante, meraviglioso, o qualsiasi avvenimento che ci stupisca. Può anche esser adoperato con una connotazione più negativa, simile ad un “me ne frego”, ma il tutto sta nel tono con cui viene pronunciato!


Aggettivi:
Abelinou = Soggetto rincoglionito, stupido. Un abelinato, non si può spiegare con altro significato più azzeccato. Può essere usato più alla buona un cordiale “belinun” in modo da rendere tutto amichevole.
Desbelinato = Persona sveglia, colui che furbamente riesce a trovare soluzioni ai più vari problemi.
Do Belin = Persona/oggetto do belin è quando vogliamo indicare qualcuno/qualcosa che non è affidabile, non ci puoi contare o rischi a dargli retta. Non è mai in ottica positiva ed è molto raro il suo uso in chiave ironica. Spesso è usato seriamente.




Altre variazioni:
Qui siamo al cospetto di due parole che hanno due possibili origini. Una vuole la loro nascita fuori Genova, come storpiatura del Belin zeneise. L’altra vede questi due termini come lievi modifiche dalla parola “volgare” belin, solite tra le donne che non volevano pronunciarla correttamente.
Belinda = Suono buffo e squillante. Racconti arrivate alle mie orecchie la indicano come di origine imperiese.
Belandi = nongenovese/spezzina. Sicuramente Zena-Belandi non van d’accordo, poco da fare. Rispetto comunque per coloro che la utilizzano.


Attenzione: erroneamente nelle varianti di Belin, alcuni usano anche “belan” (non di Genova centro), deriva da “bel’angiou” / bell’angelo.
Quindi più un complimento che una esclamazione negativa.

Non esisterà mai un occasione “sbagliata” per dire un “belin” o varianti. Più provate a pensarci più non ve ne vengono in mente.
In questa foto ho cercato di buttare giù tutta la declinazione di Belin, sperando di non dimenticare nulla!
Diffondiamo il verbo del Belin!