Nella giornata del 24 giugno si festeggia il patrono di Genova San Giovanni! (No: non è San Giorgio, leggi QUI)

Fino a qualche decennio fa vi era molto fermento nei giorni che precedevano la festività. Per esempio? La raccoltà del materiale per i falò!


Se vuoi rimanere aggiornato con tutte le novità che escono su ilmugugnogenovese.it
Iscriviti al CANALE TELEGRAM UFFICIALE: @ilmugugnogenovese




Foto di Bianca Piana

Sicuramente i più “diversamentegiovani” ricorderanno le lotte che precedevano il 24 giugno.

Lotte? Eh già, perché i falò venivano spesso preparati, come nella foto qui sopra, nel letto del Bisagno già dai giorni precedenti. Non di rado, quindi, qualche simpaticone provava a bruciarli in anticipo per dispetto! Venivano istituite delle vere e proprie ronde per controllare che i falò non venissero “assediati” anzitempo!

Qualcuno si chiederà: MA PERCHE’ PROPRIO UN FALO’? E perché ho scritto “Qualcosa per San Giovanni?”

Non mi resta che andarvi a raccontare un po’ la storia di questa tradizione…




E quest’anno? Che si fa?

La Messa sarà, come sempre, in cattedrale presieduta dall’arcivescovo alle 10:30. Nel pomeriggio i Vespri alle 17:00 e  dopo la benedizione della città con le ceneri del Battista dal sagrato di San Lorenzo. La festa patronale di San Giovanni sarà senza processione per le strade, causa Covid.

Se vedemmo figgeu!