Lezione serale #63 Denâ
“Perché t’impari un po’ di parole cosi quando vieni a trovarci sai come interpretare..”

Se la lezione ti piace, ricorda di lasciare un like al post su Facebook, grassie!

Un giornale un po’ “mariolo”, con redazione romana (quindi cosa vorrà saperne di genovese… ?) qualche tempo fa ha provato a spiegare in anticipo la parola che chiaramente avrei trattato prima di Natale.
E ha pure speso ben 4 righe totali! Va be, non parliamone oltre. (gli ho già dedicato più righe del loro stesso articolo…)

Scignoria, mancano giusto 5 giorni a-o Denâ. Serve la traduzione del dizionario stavolta? Va be’, giusto per i lettori foresti più abelinati, ecco qua: Denâ, m,s. Natale.

Antica parola, antichissima, con origini latine. È proprio sulla sua provenienza che vogliamo incentrare tutta la lezione serale di oggi.



Avvalendoci del nostro solito piccolo dizionario etimologico ligure, del prof. Toso, scopriamo che il vocabolo deriverebbe da: DIES NATALIS (giorno della nascita), ma ci sono conferme della sua esistenza zeneise, già nel XIII secolo. E qui, mi permetto di tirare una piccola frecciata ad un quotidiano online un po’ mariolo come già detto: fareste bene ad estendere le vostre ricerche su google search oltre la terza riga di risultati… oppure (ancora meglio) fare cronaca, evitando di rubare competenze (e rompere il belino) a chi, del diffondere la zeneixitæ, ne fa una missione!

Sto mugugnando? Sì, dai, d’altronde il blog porta questo nome non a caso e, per portare la nostra cultura sul web, quando ho firmato il contratto, ho inserito la nostra clausula “il mugugno è libero” a fronte di un compenso pari a 0 €.

Scherzi a parte, come si PRONUNCIA?

Molto semplicemente: denà. Alcuni sostengono che non vada accentata o “allungata” la A finale, ma personalmente ho sempre sentito la prima variante che vi ho indicato. Poi, si sa, “il genovese non è Ligure”, quindi di valle in valle, di paise in paise, cambierà la pronuncia e non solo. 


Spero vi piacciano le Lezioni Serali… Prima di salutarci, concedetemelo: qui sotto puoi contribuire anche tu per il Mugugno Genovese e premiare il lavoro che ci sta dietro! Non abbiamo sponsor e siamo troppo “scomodi” perché qualcuno si interessi alla nostra iniziativa, quindi abbiamo pensato di aprire una finestra di questo tipo per chi volesse supportarci!
Basta cliccare sul seguente bottone e offrirci una slerfa in tutta sicurezza!


Se vedemmo zueni e, se no se vedemmo ciù, bon Denâ!