Belin, noi ridiamo e scherziamo, ma… c’è una preghiera che a Zena quasi s’impara prima del “Padre Nostro”.

Ma se ghe penso

Se non la conosci e/o non l’hai mai sentita, devi vergognarti. Punto.

Ma se ghe penso è nostalgia e gioia, è sentimento e tristezza. Paura e voglia di futuro.

In questa canzone c’è tutta la nostra genovesità, fatta di saudagi brasiliana, chiusura dei popoli del nord e sentimento dei popoli caldi… C’è di tutto, in poche righe. Un concentrato di poesia e sentimenti in poco più di due minuti.

Avete mai letto il testo? Avete mai capito il senso o visto la traduzione, nel caso non capiste il Genovese? Qui di seguito troverai tutto ciò che ti serve!

La cosa incredibile è che tutti, ma proprio tutti, l’hanno voluta cantare. Nel corso degli anni è stata eseguita da artisti del calibro di Mina, Bruno Lauzi, Gilberto Govi, Ricchi e Poveri, I Trilli, Antonella Ruggiero, Vittorio De Scalzi, Massimo Ranieri con Luca Bizzarri e Paolo Kessisoglu e molti altri (persino Calimero in una nota pubblicità)….



In fondo all’articolo troverai alcune di queste “versioni” da ascoltare!

Adesso però, quasi come fosse un momento di raccoglimento voglio proporvi la versione cantata alla giornata del ricordo, il 14 Settembre 2018, del Ponte Morandi. Un momento di grande commozione dove quasi tutta Piazza De Ferrari ha cantato, assieme al tenore, il nostro inno di zeneixitæ.

Tornando un po’ più indietro nel tempo, il saluto di noi genovesi al Papa, nella sua ultima visita, è stata un’esperienza di Zeneixitæ in diretta TV.
Iniziare a sentire questa meravigliosa canzone intonata dal coro e ritrovarsi pochi secondi dopo a sentir tutto piazzale Kennedy cantarla… è stato quantomeno emozionante, a prescindere dalla fede di ognuno di noi

Grazie alla registrazione, tramite l’emittente Primocanale, (sperando mi perdonino il “furto” di questi 5 minuti di poesia) vi auguro buon ascolto…
Mentre, se volete invece gustarvi le versioni più “famose”, vi invito a scorrere fino in fondo questo articolo!

Siamo veri e propri amanti della nostra città…

Quando è nata, chi l’ha scritta?

Scritta nel 1925 da Mario Cappello con Attilio Margutti, è simbolo della cultura musicale ligure. La canzone racconta di un genovese dei primi del 900 partito per il Sud America che decide di ritornare, nonostante il figlio preferisca restare nella terra in cui è ormai ambientato. Attaccamento, nostalgia, passione, amore… il tutto nascosto (ma neanche troppo) in un testo diventato Storia della nostra Genovesità.

Dal sito: http://digilander.libero.it/paolore2/cult_tradiz/maseghe.html

Parole di M. Cappello
Ma se ghe penso
Lanterna

O l’êa partîo sensa ‘na palanca,
l’êa zâ trent’anni, fòrse anche ciù.
O l’aveiva lotòu pe mette i dinæ a-a banca
e poèisene un giorno vegnî in zù
e fâse a palasinn-a e o giardinetto,
co-o ranpicante, co-a cantinn-a e o vin,
a branda atacâ a-i èrboi, a ûzo létto,
pe dâghe ‘na schenâ séia e matin.
Ma o figgio o ghe dixeiva: «No ghe pensâ
a Zena, cöse ti ghe veu tornâ?!»

Ma se ghe penso alôa mi veddo o mâ,
veddo i mæ monti, a ciassa da Nonçiâ,
riveddo o Righi e me s’astrenze o cheu,
veddo a lanterna, a cava, lazù o Meu…
Riveddo a-a séia Zena iluminâ,
veddo là a Fôxe e sento franze o mâ
e alôa mi penso ancon de ritornâ
a pösâ e òsse dôve ò mæ madonâ.

E l’êa pasòu do tenpo, fòrse tròppo,
o figgio o l’inscisteiva: «Stemmo ben,
dôve ti veu andâ, papà?.. pensiêmo dòppo,
o viâgio, o mâ, t’ê vêgio, no conven!».
«Oh no, oh no! me sento ancon in ganba,
son stùffo e no ne pòsso pròpio ciû,
son stanco de sentî señor caramba,
mi véuggio ritornâmene ancon in zù…
Ti t’ê nasciûo e t’æ parlòu spagnòllo,
mi son nasciûo zeneize e… no me mòllo!».

Ma se ghe penso alôa mi veddo o mâ,
veddo i mæ monti, a ciassa da Nonçiâ,
riveddo o Righi e me s’astrenze o cheu,
veddo a lanterna, a cava, lazù o Meu…
Riveddo a-a séia Zena iluminâ,
veddo là a Fôxe e sento franze o mâ
e alôa mi penso ancon de ritornâ
a pösâ e òsse dôve ò mæ madonâ.

E sensa tante cöse o l’é partîo
e a Zena o gh’à formòu torna o so nîo.
– Lêzi o tèsto òriginâle

Canto degli emigranti liguri
Ma se ci penso

Era partito senza un soldo,
erano già trent’anni, forse anche più.
Aveva lottato per mettere i soldi in banca
e potersene un giorno venire in giù
e farsi la palazzina e il giardinetto,
con il rampicante, con la cantina e il vino,
la branda attaccata agli alberi a uso letto,
per darci una schienata sera e mattina.
Ma il figlio gli diceva: «Non ci pensare
a Genova, cosa ci vuoi tornare?!»

Ma se ci penso allora io vedo il mare,
vedo i miei monti, piazza della Nunziata,
rivedo Righi e mi si stringe il cuore,
vedo la lanterna, la cava, laggiù il Molo…
Rivedo alla sera Genova illuminata,
vedo là la Foce e sento frangere il mare
e allora io penso ancora di ritornare
a posare le ossa dove ho mia nonna.

Ed era passato del tempo, forse troppo,
il figlio insisteva: «Stiamo bene,
dove vuoi andare, papà?.. penseremo dopo,
il viaggio, il mare, sei vecchio, non conviene!».
«Oh no, oh no! mi sento ancora in gamba,
sono stufo e non ne posso proprio più,
sono stanco di sentire señor caramba,
io voglio ritornarmene ancora in giù…
Tu sei nato e hai parlato spagnolo,
io sono nato genovese e… non mi mollo!».

Ma se ci penso allora io vedo il mare,
vedo i miei monti, piazza della Nunziata,
rivedo Righi e mi si stringe il cuore,
vedo la lanterna, la cava, laggiù il Molo…
Rivedo alla sera Genova illuminata,
vedo là la Foce e sento frangere il mare
e allora io penso ancora di ritornare
a posare le ossa dove ho mia nonna.

E senza tante cose è partito
e a Genova ci ha formato di nuovo il suo nido.
– Verscion de Mario Cappello



Di seguito vi lascio alcune versioni, più o meno rare!


Eccovi la prima, forse la più rara. Calimero l’avreste mai detto? Questa versione è abbastanza introvabile, godetevela!

Non solo Calimero, ovviamente! Ed eccoci ora alle “versioni” (più famose) del celebre brano, cantato dai più illustri genovesi e non solo! Da Govi a Mina, proprio tutti!

Bruno Lauzi

Gilberto Govi

Mina

Gino Paoli

Buon ascolto e se vedemmo zueni!

Immagine di copertina,  Boccadasse, di Sofia Pozzoli.


Dal Tapulland, un famoso meme rivisitato da Matteo Nanni