I Cobelletti!

(o gobeletti, cappelletti, cappellettü). 

Ricorda di votare la ricetta da 1 a 5 stelle, in cima all’articolo! Grassie!

Stiamo parlando di piccoli dolci di pastafrolla (come si vede in foto), a forma di cappelletto e ripieni di marmellata (tradizionalmente di cotogne). La loro origine pare esser Rapallina, ma ad oggi possiamo trovarli un po’ in tutta la liguria. I Cobeletti devono il loro nome ai doppi stampi artigianali di metallo con cui erano preparati anticamente (uno per fare il “contenitore” della marmellata e l’altro per creare il “cappello”)

Sulla tradizione vi sono molti dibattiti in merito. A Genova, i cobeletti alcuni sostengono che siano dolcetti pasquali, altri invece per la festa di Sant’Agata (5 febbraio).

Ah, belin dimenticavo! Prima di iniziare, concedetemelo: qui sotto, se vuoi, puoi contribuire anche tu al pagamento del dominio annuale del Mugugno Genovese! Siccome non abbiamo sponsor e siamo troppo “scomodi” perché qualcuno si interessi al nostro sito, abbiamo pensato di aprire una finestra di questo tipo per chi volesse supportarci 🙂

Ora però, passiamo al sodo! Con la solita ricetta della Nonna e quella dalla Vera Cuciniera Genovese, ottocentesca, in mio possesso.

Ricetta della nonna.

Ingredienti:

  • 400 gr farina 00
  • 150 gr zucchero
  • 170 gr burro
  • 1 uovo intero + 1 tuorlo
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bustina di vanillina
  • Per il ripieno marmellata a propria scelta (Cotogne per tradizione) o crema pasticciera.

Cosse da fæ:

  • Impastare tutti gli ingredienti velocemente
  • Stendere la pasta alta 2/3 mm
  • Rivestire gli appositi stampini
  • Mettere in ciascuno un cucchiaio colmo di marmellata
  • Ricoprire con un cerchio di pasta, facendolo aderire ai bordi
  • Cuocere in forno statico a 170° per circa 20 minuti
  • Quando sono freddi, spolverare di zucchero a velo.

Passiamo ora dunque alla ricetta della Vera Cuciniera Genovese. Nella prima foto vi ho fornito anche la ricetta della pasta frolla necessaria per questi Cobelletti!

Se vedemmo zueni!