LEGGI BENE TUTTO PER CAPIRE DI CHE SI TRATTA.
Lezione serale #60 Macramè 
“Perché t’impari un po’ di parole cosi quando vieni a trovarci sai come
 interpretare..” 

Se la lezione ti piace, ricorda di votarla qui da 1 a 5 stelle e di lasciare un like al post su Facebook, grassie!

È una parola “distintiva”, “simbolica”, ricca di Zeneixitæ. Un vocabolo che, chi viene da fuori, non può neanche avvicinarsi alla sua traduzione.

Andiamo dunque alla Definizione dal Dizionario Frisoni: Macramè, s.m. (A.) asciugamani.




Molto sintetica, ma come sempre noi andiamo un pochino più a fondo. In particolare sul lato storico e le sue origini. Ci riferiamo a quei “asciugamani” antichi, di lino che stando al Piccolo Dizionario Etimologico Ligure del Prof. Toso ( qui sotto puoi acquistarlo tramite la nostra affiliazione con Amazon, mica robba da ninte figgeu!)
[amazon_link asins=’8864385932′ template=’ProductCarousel’ store=’ilmg-21′ marketplace=’IT’ link_id=’672547fc-ca20-11e7-9fc8-013bb4f56100′]
veniamo a conoscenza della sua origine araba (mahrama “frangia”), ma penetrata in Liguria attraverso il turco, dove mahrama indica più in dettaglio i capi realizzati con tale tecnica e, in particolare gli asciugamani. 
Pensate che, in genovese, questo vocabolo compare per la prima volta nel 1637 (Brignole Sale) ed è citata non casualmente nell’inventario dei beni sequestrati nel 1749 all’equipaggio di un pinco tunisino. Il più antico dizionario genovese traduce macramè come “sciugatojo

CURIOSITÀ

In alcune zone della Liguria, in particolare nel Tigullio, la voce indica principalmente un merletto a nodi, tipico della Zona. Possiamo comunque usare questo termine per qualsiasi tipo di asciugamano. Da quello per il volto, a quello più generico per il corpo, passando (in alcune zone della Liguria) anche per lo strofinaccio “da cucina”, meglio conosciuto come picagetta!

PRONUNCIA

Makramè, facendo sentire bene la K e la è, finale, aperta! Cari foresti, sì, questa volta avete qualche chances per pronunciare bene una parola zeneise!


Spero vi piacciono le Lezioni Serali… Prima di salutarci, concedetemelo: qui sotto puoi contribuire anche tu per il Mugugno Genovese e premiare il lavoro che ci sta dietro! Non abbiamo sponsor e siamo troppo “scomodi” perché qualcuno si interessi alla nostra iniziativa, quindi abbiamo pensato di aprire una finestra di questo tipo per chi volesse supportarci!
Basta cliccare sul seguente bottone e offrirci una slerfa in tutta sicurezza!


Se vedemmo zueni!