LEGGI BENE TUTTO PER CAPIRE DI CHE SI TRATTA.
Lezione serale #54 Sgreuzzo
“Perchè t’impari un po’ di parole cosi quando vieni a trovarci sai come
 interpretare..” 

Chi di noi non ha mai sentito questo vocabolo? In auge ancora ai giorni nostri è aggettivo immancabile nel dizionario “moderno” del genovese anni 2000 (se di genovese possiamo ancora parlare…)
Definizione diz Frizoni: Sgreuzzo, agg. (pop.) greggio, ruvido || rozzo, scortese
L’utilizzo principale di questa parola è quello di aggettivo “spregiativo”, ma è curioso l’uso che ne facciamo noi, Veri Esemplari Ligure. Di fatto non lo usiamo mai con cattiveria, bensì ci piace dirlo per prendere in giro, ironizzare o render “leggero” un argomento. Per esempio:
Belin che sgreuzzo che t’ei! | Belin che rozzo che sei!
Apparentemente potrebbe sembrare una frase severa, invece al 90% dei casi non è così! È piuttosto volto a sottolineare quel determinato comportamento che ci è parso “rozzo”. Potremmo usarlo anche per aggettivare una parlata volgare o con un accento “da portuale” (molto marcato).

Pronuncia: Sgrœsu. Spero di averlo scritto nel modo più “intuitivo” possibile, perché non è così semplice scrivere come si pronuncia questa particolare parola. Sicuramente serve che vi cimentiate qualche volta per far uscire fuori lo sgreuzzo che è in voi. Ironicamente, possiamo dire che questa parola la dobbiamo pronunciare sentendoci un po’ sgreuzzi nel dirlo!
Curiosità: Leggendo il nostro fidato “Piccolo Dizionario Etimologico Ligure” del Prof. Toso, apprendiamo che il termine potrebbe derivare da (EX)GREGIUS “del gregge”, attraverso un originario riferimento alla lana greggia, ossia quella sporca e stopposa, allo stato naturale. A conferma di questa connessione, dall’ulteriore variante gruzzo diffusa in qualche dialetto ligure, si p sviluppata una forma sostantivata che significa straccio/cencio, che sottolinea il legame con l’ambito tessile.

Sperando vi sia piaciuta questa lezione e siate arrivati fino a questo punto della lettura, vi ricordo di lasciare un voto da 1 a 5 stelle qui sul blog ed un like al post su post su Facebook. Sto valutando se continuare queste lezioni serali, in quanto paiono avere meno seguito. Se avrò una buona risposta da parte vostra, continuerò, altrimenti terminerò qui la serie di lezioni tenute in modo “periodico” e mi terrò libero di portarne qualcuna senza tempistiche.

Prima di salutarci, concedetemelo: qui sotto, se vuoi, puoi contribuire anche tu per il Mugugno Genovese e premiare il lavoro che ci sta dietro! Non abbiamo sponsor e siamo troppo “scomodi” perché qualcuno si interessi alla nostra iniziativa, quindi abbiamo pensato di aprire una finestra di questo tipo per chi volesse supportarci!
Basta cliccare sul seguente bottone e offrirci una slerfa in tutta sicurezza!

Se vedemmo zueni!