L’arcobaleno. Le parole delle Istituzioni e dello sciù Renzo Piano. Le frecce passate con il loro suono segnando con eleganza il silenzio della vallata. Il successivo suono delle navi nel porto che ci ricordano le nostre origini. Il Vespucci sornione laggiù in fondo pronto a illuminarsi e la Lanterna che accende il suo tricolore…

Posso dirlo? Si lo dico: è stato rispettoso, solenne, in qualche modo sobrio e incredibilmente emozionante.

Credo che una giornata del genere, così piena di emozioni contrastanti e repentine, difficilmente la dimenticheremo.


Se vuoi rimanere sempre aggiornato per tutte le novità che escono su ilmugugnogenovese.it
Iscriviti al CANALE TELEGRAM UFFICIALE: @ilmugugnogenovese




E fatemelo dire… Il momento iniziale, subito dopo il diluvio, con l’arcobaleno… penso che anche la persona più cinica e razionale del mondo, alla vista di quelle immagini, sia rimasto stregato.

Una combinazione che, mi dispiace, ma non potrete mai togliermi dalla testa che poco abbia a che fare con una semplice “coincidenza”.

E anche i vostri commenti, mi confermano che in tanti abbiamo pensato la stessa cosa. Potete controllare voi stessi… VI INVITO A LEGGERE i vostri pensieri nel post qui sotto.  Dicono molto più di quanto io possa scrivere in un articolo.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Tu mi dirai: coincidenze Io ti dirò: destino 🌈 #ilmugugnogenovese da @martinacrea._ #genova #liguria #pontegenovasangiorgio

Un post condiviso da Il Mugugno Genovese (@ilmugugnogenovese) in data:

Davvero una cosa che credo rimarrà impressa a vita, nella mente dei Genovesi e non solo…

Infine vi lascio qui l’emozionante discorso dello sciù Renso…

DISCORSO RENZO PIANO

Foto copertina di Fabio Alessandro Ciffariello, che ringrazio