Quando, ieri mattina, ho pubblicato questo post:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Il Mugugno Genovese (@ilmugugnogenovese)

E ho ricevuto questo messaggio: “scusa puoi spiegarmi di che si tratta, sono 2002 e non so di che si tratta?“…. Sulle prime mi son chiesto “belin ma com’è possibile?” (poi mi sono sentito vecchio, ammetto 😂) ma soprattutto mi son sentito in dovere di far la mia piccola parte tramite ilmugugnogenovese.it nel ricordare quelle giornate allucinanti di vent’anni fa…


Se vuoi rimanere aggiornato con tutte le novità che escono su ilmugugnogenovese.it
Iscriviti al CANALE TELEGRAM UFFICIALE: @ilmugugnogenovese





Bene, raccontare un fatto così buio della nostra città e così importante a livello mondiale, non è facile. Soprattutto non è facile farlo in modo oggettivo. Per cui, siccome non credo d’esser la persona giusta, vi ho fatto un racconto tramite reportage trovati online e raccolti qui di seguito. Ritagliatevi del tempo e guardatevi queste immagini (o rinfrescate la memoria!)

Genova G8, le grate della Zona Rossa.jpg
Foto di Michele Ferraris

Ancora ho vivo il ricordo delle persone che bussavano al portone di casa per trovare rifugio o la polizia che caricava un innocuo corteo di scout, il rumore degli elicotteri e delle sirene… Qualcosa che difficilmente potremo mai dimenticare…

E questi tre pezzi:





Se vedemmo.