Magari molti di voi non se lo saranno mai chiesti, altri invece saranno anni che si domandano il perché di questa bizzarra “arte” quasi esclusivamente Ligure.

Oggi eccovi la risposta!

Per scoprirne le origini, bisogna aprire i libri di storia e tornare indietro alla famosa Superba Repubbrica de Zena (Ligure, per meglio dire).

Correva l’anno 1798 e il governo Zeneise escogita un metodo per aumentare le palanche della Repubblica…
(più o meno quello che fa la municipale in questi ultimi mesi dando multe abbrettio appena riesce a scorgere la parvenza di una irregolarità a 170km di distanza dietro un vetro lercio… ma questa è un’altra storia)
Belin come facciamo ad aumentare i dindi in cassa?”

Brillante idea: la tassa sulle finestre.

Qui Rapallo


Come? I più ricchi possiedono fastose dimore e lussuosi palazzi con numerose finestre? Bene, per ognuna si dovrà corrispondere un tot di palanche.
Chiamato anche il “sussidio patriottico sulle finestre” la tassa genera sgomento e indignazione. Ciò che non avevano pensato è che… “davvero potevi pensare di fregare un ligure con una trovata così semplice dal conto così salato?”ì

La tassa prevedeva che fino a cinque finestre, non si pagasse nulla. (Le case nei vicoli / nei borghi hanno meno di 5 finestre, solitamente)
Dalla 6°, compresa, in poi vi era un vero e proprio ”tassametro”.

Ma come detto… un ligure non lo freghi così facilmente e quindi… ECCO LA TAPULLATA DEL SECOLO.

Qui San Rocco di Camogli

Vuoi farmi pagare la finestra? Belin manco a dirlo: MURO LA FINESTRA E CI DISEGNO… UNA FINESTRA.

Sembra ironia, ma andò esattamente in questo modo. La cosa prese campo e molti si sbizzarrirono pure nella realizzazione di dipinti quanto più realistici possibili da diventare un vero e proprio abbellimento della facciata.

La famosa finestra a Santa Margherita Ligure, emblema di una tapullata artistica

Un po’ come se noi andassimo in giro con un barattolo di vernice a disegnarci le strisce per il posteggio in giro per la città per evitare di pagare l’ennesima multa presa per mezzo cavalletto fuori dalla riga blu/bianca/Azzurra/birulò.