Dizionario Frisoni: Brigoa, s.f. bollo, cosso, vescichetta, pustolina.
E ma aloa son proprio nescio! Come ho fatto a non pensarci!” è stato il pensiero subito dopo la lettura della traduzione. Semplicemente perché non usiamo mai altro termine. 

Alla scoperta del misfatto, i miei amici stranieri, giustamente mi hanno domandato “eh ma allora come lo chiamate un brufolo?



Brufolo, è brufolo! Come vuoi che lo chiamiamo brutto abelinatosenzamare? – Il brufolo è quella meraviglia adolescenziale, l’apostrofo rosa tra le parole “oddiochecazzoè?” e “eoracomefaccio?“.

La brigola è… quella brigola, rossa, dovuta ad un pelo incarnito, una puntura di zanzara o altre cose simili. Il BRUFOLO, invece, è quasi esclusivamente quello causato dalla fase adolescenziale! Per piacere, siete voi stranieri che siete degli sgrammaticati con un dizionario limitato! OH! Non toccatemi i punti saldi, le poche sicurezze che ho nella vita. LA BRIGOLA e IL BRUFOLO sono due cose ben distinte. Oh.

Oua, me fasso passâ sto scciupon de fotta e passo a cose più interessanti!

ORIGINE

Sempre più incuriosito e scioccato dalla scoperta, mi accingo a consultare il nostro abitudinario Piccolo Dizionario Etimologico Ligure, del prof. Toso, dove scopriamo delle verità sconcertanti. La parola in questione deriverebbe addirittura dal latino, seppur difficile di difficile derivazione, VERRUCA, nella forma diminutiva -ULA. La prima fonte ufficiale? XIV secolo, nella forma “Burgora/Brugora” e poi dal 1405 come “Brugola” (belin come l’attrezzo!)

Il più antico dizionario possibile di genovese, XVIII sec, riporta già la parola con la “caduta” della -r- “Brigoa”

PRONUNCIA

Per quanto riguarda “Brigoa”, se dixe “Brigua” [‘bri:gwa].
Ad oggi, però, è bene far notare che la forma più usata è “Brigola”, pronunciata come si legge, come semplice italianizzazione dal Ligure.

Infine, se vuoi legger tutte le Lezioni Serali, clicca QUI per andare alla mega raccolta!


Spero vi piacciano le Lezioni Serali… Prima di salutarci, concedetemelo: qui sotto puoi contribuire anche tu per il Mugugno Genovese e premiare il lavoro che ci sta dietro! Non abbiamo sponsor e siamo troppo “scomodi” perché qualcuno si interessi alla nostra iniziativa, quindi abbiamo pensato di aprire una finestra di questo tipo per chi volesse supportarci!
Basta cliccare sul seguente bottone e offrirci una slerfa in tutta sicurezza!


Se vedemmo zueni!


Qui di seguito puoi cercare quello che vuoi sul BelinBlog

Oppure se non hai una meta definita, ma non vuoi abbandonarci, ecco qualche articolo che potrebbe interessarti!