Un’idea per una gita in Liguria? Specialmente per chi abita nella zona Genovaedintorni? Belin non posso che proporvi il Monastero di Santa Maria in Valle Christi, a 30min da Genova, a 5min da Rapallo

Eccovi informazioni varie, storia e indicazioni per andare a visitarlo!


Se vuoi rimanere sempre aggiornato per tutte le novità che escono su ilmugugnogenovese.it…
Iscriviti al CANALE TELEGRAM UFFICIALE: @ilmugugnogenovese





Il luogo è davvero spettacolare e storico, troppo poco pubblicizzato negli ultimi anni…

Secondo alcuni documenti presenti nell’Archivio di Stato di Genova si è potuto scoprire che la fondazione del monastero abbia avuto origine dal volere di una nobildonna genovese, Altilia Malfanti e della sorella Tiba, all’inizio del 1200!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Nicoletta Bressa (@bressanicoletta)

Pare che siano state le due sorelle, già proprietarie del terreno, a voler la costruzione di un convento di monache dell’Ordine dei Cistercensi, con l’intenzione poi di ritirarsi esse stesse alla vita monacale.

Alcuni documenti riportano come gia dall’anno successivo alla richiesta (1205), il monastero era abitato dalle monache.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Giulia Torre (@giuliatorre)

Non si conoscono, però, i motivi del progressivo abbandono del monastero a fine dell’Ottocento… Le autorità non diedero più alcuna importanza all’edificio e cian cianin il monastero iniziò il suo degrado. Le mura iniziarono a sgretolarsi e così facendo fornirono materiale per la costruzione di case coloniche, mentre gli edifici attornianti la chiesa ed il chiostro divennero il focolare ed il ricovero per le famiglie dedite al lavoro dei campi.

La svolta? Anno 1903: ciò che restava del monastero fu dichiarato monumento nazionale italiano, portando così i primi veri e concreti restauri.

Come arrivarci?

Facciamola semplice, da Genova:

Una curiosità/leggenda?

Si narra che in tempi molto antichi, una suora, follemente innamorata di un pastore, abbia trasgredito alla regola di castità rimanendo incinta e che per punizione sia stata murata viva, con la sua bambina appena nata, in una cella del convento. Molti asseriscono che nelle notti senza luna un lamento struggente sale dalle antiche pietre e si diffonde nella campagna.

Immagine di copertina: @franconiphotos