Oggi mi è arrivata una foto del fugassin liso!

E cosse l’è sto fugassin liso?

Qualcuno, legittimamente, se lo chiederà! 

Traduzione letterale sarebbe: Focaccetta mal lievitata! Vediamo più nel dettaglio di cosa si tratta e… ovviamente la ricetta!

Lo ha fatto il mio amico Matteo, da Fontanegli, su ricetta del nonno.

Il mitico nonno lo faceva, durante la guerra, ai suoi figli per offrirgli una colazione con quel poco che si trovava al tempo.
Ai bambini, in estate, veniva offerta con radicchio dell’orto e pomodori. Qualcuno di voi ha memoria di quest’uso? L’avete mai assaggiato? E se si… con cosa l’avete gustato?

Il procedimento è molto semplice e veloce. Gli ingredienti, quasi sicuramente, li abbiamo tutti in casa anche durante sta belin di quarantena.

Ingredienti (per 2 focaccine)

  • 1,5 hg di Farina 00
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine d’oliva
  • olio per ungere la padella
  • un pizzico di sale
  • la punta di un cucchiaino di bicarbonato
  • acqua q.b.



Cosse da fæ:

  • Impastare tutti gli ingredienti insieme, ottenendo un panetto di pasta morbida
  • Scaldare una padella antiaderente, velata d’olio (Il nonno la cuoceva sulla ciappa!)
  • Dividere l’impasto in due parti
  • Schiacciare con le mani una delle parti, dandogli la forma di una focaccina
  • Metterla nella padella calda
  • Schiacciare con un cucchiaio di legno, fino a raggiungere uno spessore di circa 1 cm
  • Fare colorire da entrambe le parti
  • Procedere nello stesso modo anche per la seconda focaccetta
  • Servire caldo il fugassin!
  • (Belin che bonna!)

Io #RESTOACASA e… fasso i fugassin lisi!

Ed, infine, se vuoi rimanere sempre aggiornato per tutte le novità che escono su ilmugugnogenovese.it…
Iscriviti al CANALE TELEGRAM UFFICIALE: @ilmugugnogenovese