Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Ecco tutte le date e le informazioni sulla Sagra del Pesce di Camogli!

Domenica 12 maggio 2019!

I festeggiamenti hanno luogo in Piazza Colombo, la piazza del porticciolo.
La Sagra è stata ideata dall’avvocato Filippo Degregori e la prima edizione si tenne nel 1952. Il primo anno vennero costruite sulla piazza delle cucine in mattoni e per tutto il giorno si continuò a friggere in sei piccole padelle.

L’introduzione del primo padellone avvenne nel 1954, pesava 11 quintali, aveva un diametro di 4 Mt. e un manico di 6 Mt. di lunghezza.
Nel 1960 arrivò una nuova padella più grande 5 Mt. di diametro. L’anno seguente vennero utilizzate entrambe le padelle.
Negli anni settanta entra in funzione un’altra padella, e nel 1986 se ne aggiunge una quarta, di 4 Mt. di diametro.
Nel 2001, per la cinquantesima Sagra, arriva una nuova padella, non è in ferro ma in acciaio inossidabile, come prevedono le normative sulla sicurezza, pesa 28 quintali, un diametro di 4 Mt., un manico di 6 Mt. e durante tutta la giornata frigge 30.000 piatti di pesce, utilizzando 3 tonnellate di pesce fresco e 3.000 litri di olio.
Una copia della padella di Camogli viene utilizzata a Yokohama.
La Sagra del Pesce richiama ogni anno migliaia di turisti italiani e stranieri, per questo è consigliabile non utilizzare l’ automobile per raggiungere Camogli, ma utilizzare i servizi di traghetti che partono da Santa Margherita Ligure, Rapallo, San fruttuoso, Bogliasco, Genova Nervi, Genova Pegli e Genova Porto Antico, oppure i treni.

La maxi padella è in uso dal 1954, e viene posizionata su impalcature che sorgono sui fondali del porto turistico.

Il giorno prima della Sagra del Pesce si svolge la festa di San Fortunato.

Una celebrazione religiosa in onore di San Fortunato, Patrono dei Pescatori, durante la quale 8 volontari portano a braccia la cassa con la statua di S. Fortunato, del peso di 4 quintali. Alla processione segue uno spettacolo pirotecnico con la successiva illuminazione del campanile ad opera della Tecnoart Camogli.

Intorno alle 23,00 viene appiccato il fuoco ai falò.
I falò vengono costruiti dai due quartieri di Camogli, il Porto ed il Pinetto, con vecchi mobili, barche rotte, vecchie persiane e tutto ciò di cui i Camogliesi non hanno più bisogno.
Le due opere d’arte possono essere ammirate per poche ore prima di prendere fuoco.

Leave A Comment