Belin ti ho sgamato! Pe piaxei puoi rimuovere Adblock dal sito del Mugugno Genovese? Non lavoro per nessuno ed il sito sopravvive solo così! Sappi che la pubblicità che inserisco qui è TUTTA certificata Google, e questo non vi crea alcun danno o porta alcun virus. (e ci vuole pure parecchio per ottenere questo privilegio da Google) A te non costa nulla e, così facendo, anche a me non costerà... Pe piaxei :) La pubblicità che viene proposta su questo sito cerca sempre di esser attinente ai gusti del visitatore o gli argomenti trattati dal blog, così da non risultare fastidiosa! Grassie!

Buon 80° Compleanno Ospedale Gaslini!

A Genova, il 13 Febbraio 1917, moriva di peritonite Giannina Gaslini, una bimba di 11 anni, appartenente ad una famiglia molto nota e benestante. I suoi genitori vollero che da quel dolore nascesse, in suo ricordo, l’Ospedale Pediatrico “Giannina Gaslini”.
I Gaslini impegnarono i loro averi per costruirlo, attrezzarlo all’avanguardia e farvi lavorare i migliori medici e ricercatori. Da allora ha continuato a curare e salvare i bimbi da tutto il Mondo.

I primi passi.

L’idea dei Gaslini si concretizza nel 1921 quando prende contatti con il presidente degli Ospedali civili di Genova, Sig. Moresco. Il suo progetto sin dall’inizio è quello di costruire una struttura dedicata alla “cura, difesa e assistenza dell’infanzia e della fanciullezza.
Per varie complicazioni, soltanto nel 1938 ha luogo, a Palazzo Venezia, un’udienza interamente dedicata all’Istituto, dove presenziò Benito Mussolini che ne prese a cuore la nascita, partecipando anche all’inaugurazione prevista per il 15 maggio.



Gerolamo Gaslini e la moglie Lorenza decidono di finanziare quest’opera come impegno per sostenere la sanità e sperare che la sorte della figlia “sia evitata a tutti i bambini e fanciulli. Gaslini si dedica tanto a quest’ospedale che verrà definita come la sua Passione. È un impegno che lui stesso decide di prendere, mettendo in campo tutte le sue conoscenze e le sue capacità finanziare e imprenditoriali, risultando un vero innovatore in un campo fino ad allora estraneo a lui, quello sanitario.

La struttura viene inaugurata il 15 maggio 1938 e già l’anno seguente viene riconosciuto come l’ospedale pediatrico di prima categoria. Durante la seconda guerra mondiale, oltre a continuare la sua normale attività, l’ospedale si presta anche per la cura dei feriti di battaglia.

Da allora il Gaslini prosegue la sua “missione” inanellando molti successi. Sempre là, subito dopo Sturla. Quando passi, un’occhiata ce la dai sempre, come volessi star certo che Lui ci sia ancora, perché, in fondo, è per tutti noi un motivo d’orgoglio…


Qui di seguito puoi cercare quello che vuoi sul BelinBlog Oppure se non hai una meta definita, ma non vuoi abbandonarci, ecco qualche articolo che potrebbe interessarti!
By |2018-05-15T12:21:53+00:00maggio 15th, 2018|Altro, Storia di Genova|4 Comments

4 Comments

  1. Folgore 33 15 maggio 2017 at 9:36 - Reply

    Per quanto mi risulta la costruzione del Gaslini non fù un atto di altruismo filantropico ma un obbligo imposto. Inutile rinvangare il passato, utile essere precisi per amore di verità.

    • Alberto Attolini 16 maggio 2017 at 15:07 - Reply

      Più che un’ imposizione dicono che sia stato uno scambio con Mussolini: io ti dò la concessione per importare l’ olio libico. e tu costruisci un’ ospedale, ancora oggi vanto di Genova e dell’ Italia. Credo che tutti ci abbiamo guadagnato, magari fosse così ancor oggi, dove tutto è “personalizzato e privatizzato”….

  2. MARCO ORRU 15 maggio 2017 at 22:02 - Reply

    IO SONO GENOVESE, E SONO STATO IN CUELLO OSPITALE PERCUE MI SONO CADUTO DI UNACASA E AVEVO 3 ANNI, FORSE SE CERCATE NELLA STORIA TROVARETE IL MIO NOME E COÑONE. MI CHIAMO. ORRU MARCO FIGLIO DI MARIA CADILI E ORRU ANTONIO.

  3. paola sozzani 3 marzo 2018 at 16:37 - Reply

    Non trovate sempre una polemica sulla nascita dell’Istituto, ringraziate solo che ci sia e cercate di sostenerlo sempre.

Leave A Comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.