9 Cose Tipiche di Genova

Ogni città ha le sue caratteristiche. In questo articolo ne andremo ad elencare 9 su Genova che, grazie ad amici foresti, abbiamo tirato fuori in pochi minuti!
Chi è cresciuto a Zena non può “notarle”, o meglio, non le trova così evidenti ed esclusive. Chi vien da fuori, chi vive Genova da “Foresto“, invece, non può fare a meno di osservarle.


Ah, belin dimenticavo! Concedetemelo: qui sotto, se vuoi, puoi contribuire anche tu al pagamento del dominio annuale del Mugugno Genovese! Siccome non abbiamo sponsor e siamo troppo “scomodi” perché qualcuno si interessi al nostro sito, abbiamo pensato di aprire una finestra di questo tipo per chi volesse contribuire. 

 


Foto di Andrea Bergamino

1- Saliscendi: molte città italiane sono costruite in zone pianeggianti o, quantomeno, la maggior parte del complesso urbanistico è su terreno piano. Chi viene a visitare Genova, una delle prime cose da cui rimane colpito è la verticalità. Dove li trovi gli ascensori, le funicolari, che ti portano direttamente da un quartiere all’altro, solamente salendo? Viviamo in una città “adagiata” su una costa severa che non concede molti spazi.
NO, qui non avrai pianura.
NO, qui non avrai strade dritte e larghe con enormi palazzoni tutti uguali.
Qui è tutto saliscendi. Basti guardare lo scorcio nella foto sopra: zone pianeggianti? Giusto dove c’è mare! Il resto è un complesso di case, chiese, torri, grattacieli e colline su vari “livelli”… Questo punto, vi annuncia già il prossimo, naturale, collegamento.



2- Voi direte: Ma le bici dove sono? Un altro fattore che balza all’occhio del foreste (specialmente di Pianura). Un Genovese vi direbbe: Belin, oua ne vedo sin troppe rispetto a qualche tempo fa! Considerate che, manco 10 anni addietro, scorgere una bici in centro era una sorta di visione mistica. Perché? La risposta è semplice: prova tu a fare il tragitto casa-lavoro in bici, ogni giorno, in qualsiasi stagione, senza incappare in qualcuna delle seguenti avversità. Troverai almeno:
A) due rampe dal 19% di pendenza ed una crono-scalata in ogni rettilineo (che manco Pantani) per evitare di esser stirato dai tranquilli Genovesi al volante.
B) un percorso in stile Banzai, per sopravvivere alle continue ed improvvise strettoie, buche e non solo, che presenta il suolo stradale!
C) almeno 5 motociclisti che ti faranno dei “peli” assurdi per arrivare 0,15 secondi prima al semaforo (come se pigliassero una medaglia)
D) dulcis in fundo, qualche cinghialetto qua e là, specialmente la sera nel buio totale…
Genova è fatta di saliscendi, come già detto, e quasi la totalità dei tragitti, presenta insidie non indifferenti per un umile ciclista! 3- Le moto: i foresti ci vedono come dei folli scellerati quando sfrecciamo con i nostri scooter, le nostre Vespe, per le vie di Genova. Per noi è normalità e ti lascio il link QUI all’articolo dei 10 Comandamenti del Genovese in moto, per farti una risata e capire meglio come “gira” da noiatri. Un primo fattore di questa “giungla-motociclistica” è dato dalle vie Zeneixi: non sono così “agevoli” agli occhi di chi è abituato a stradoni larghi e mega-rotonde. “Prova tu a girare col SUV, o qualche macchina più lunga di tre metri, nei grovigli di strade nel Centro!”. Un altro aspetto importante è la quantità di veicoli a 2 ruote. La maggior parte dei guidatori ha “paura” quando una moto lo sorpassa o gli sta accanto a pochi centimetri, fermo al semaforo. “E se lo tocco?” “ora lo butto giù senza volere!” “maledetti motociclisti“: pensieri tipici, vi capiamo! Siamo abituati ed abbiamo fatto un po’ di pratica in questo tipo di traffico, mentre agli occhi dei foresti tutto pare una giungla selvaggia.
Consiglio spassionato: Voi lasciateci fare, nessuno vi farà del male…

Quinto, Scalo. – Wikipedia

4- Mare NON significa sabbia. “Ei, domani ti va di venire al mare con noi?“. Se un VEL ti fa questa proposta, mettiti il cuore in pace: a Genova, la sabbia (quella che intendi tu) non la trovi. Non ci sono granelli fini, bianchi, stile Hawaii! E, a chi si lamenta di questa “carenza”, io chiedo: perché vieni qui per poi lamentartene? Aspettarsi la sabbia a Genova è come andare in un locale Ligure e aspettarsi la polenta preparata sulla stufa. È come recarvi nelle Dolomiti e chiedere dov’è la spiaggia libera più vicina… Dai, suvvia un po’ di decenza!
Un Genovese, quasi, preferisce gli scogli alla sabbia! Il momento in cui, il VEL, trova il suo angolo perfetto, è qualcosa di fantastico, meglio di una ultra-sdraio ergonomica! Inoltre, uno scoglio, non diventerà mai rovente quanto può diventarlo la sabbia, rendendo l’accesso al mare un vero e proprio calvario!
P.S: per venire qua e dire “che mare di merda!“, sguazza pure nel tuo stagno d’Oltralpe… Idrosca-che?!?.
Sarò buono, vi lascio due guide sul MARE a Genova.
Per farvi un’idea di come “lo viviamo”  => Andare al mare secondo il V.E.L
Per le migliori spiagge => Dove andare al MARE a Genova?

5- Focaccia ovunque: la potete trovare in ogni, OGNI, angolo da çittæ. I panifici son migliaia e difficilmente trovi focacce “non accettabili”. Certo ci sono alcuni commercianti che vendon simil-focacce, ma son veramente pochissimi. Puoi trovarla nei supermercati, nei bar, nei ristoranti, un po’ ovunque! Raramente rimarrai deluso! Si dai, son bravo e ti lascio anche la RICETTA QUI. Tanto non sai farla.
Inoltre ti invito a dar un occhio alla classifica dei top 10 fornai, scelti da voi, nel 2018!

Gira pagina QUI per continuare alla scoperta delle cose tipiche solo a Genova!